• Libri

    Il pittore maledetto. Storia violenta di Caravaggio

    Il successo di Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, deriva dalla maestria con la quale il pittore riuscì a dosare sulla tela luci e ombre plasmando soggetti e situazioni secondo un realismo violento, spiazzante. Deciso a combattere l’uniformità secolare di schemi compositivi antiquati, puntò al “vero” in un’ottica di pittura che poco o niente aveva in comune con quella dei suoi maestri e contemporanei. Interpretando il chiaroscuro in maniera straordinaria e assolutamente innovativa per l’epoca, l’artista lombardo rivoluzionò il concetto stesso di arte. Mariano Luigi Patrizi, medico e fisiologo recanatese, ha analizzato il genio di Caravaggio da una nuova e interessante prospettiva antropologica: secondo lo studioso, molte delle opere del pittore…

  • Storia

    Genitori di sangue, genitori di latte. “Mandare a balia” nel Rinascimento a Firenze

    Per molto tempo l’allevamento dei neonati ha rappresentato un po’ ovunque, nel mondo, un grosso problema per coppie di ogni ceto sociale. Fino al XIX secolo un bambino su tre moriva perché non poteva essere allattato dalla madre naturale o a causa di malattie contratte da alimenti sostitutivi come il latte animale, ricco di batteri nocivi per un neonato. Nel 1865 Justus von Liebig, chimico tedesco,  riuscì a sintetizzare una polvere solubile ricca di nutrienti: si trattava del primo sostituto commerciabile del latte materno, felice invenzione che contribuì a diminuire il tasso di mortalità infantile. Prima di allora, in molti casi e per ragioni diverse, mandare i figli a balia…

  • Storia

    Cultura del tatuaggio tra storia e curiosità

    Alzi la mano chi ha un tatuaggio impresso sulla propria pelle o chi, trovata la giusta dose di coraggio, ha intenzione prima o poi di farsene uno! Socialmente sdoganato rispetto a tempi non sospetti, il tatuaggio è segno non verbale psicologicamente connotato: al di là della forma, del colore o della dimensione con cui si presenta, nella maggior parte dei casi cela aspetti legati all’identità del tatuato, fissa un momento importante della sua vita (bello o brutto che sia) e comunica significati trasversali a culture con le quali l’individuo è entrato in contatto. Contrassegnare il proprio corpo con incisioni irreversibili (meno, oggi, grazie alla chirurgia laser) soddisfa quel bisogno impellente…

  • Storia

    I 7 strumenti di tortura più terrificanti della storia

    Innocente fino a prova contraria La presunzione d’innocenza è il principio giuridico secondo il quale un imputato (cioè un soggetto accusato di reato) è considerato innocente fino al momento in cui la pubblica accusa non dimostra concretamente, per mezzo di prove oggettive, il presunto grado di colpevolezza.  Tale principio deriva dall’articolo 11 della Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948, importante documento firmato da 48 dei 58 paesi al tempo membri dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.  La presunzione d’innocenza è a oggi principio adottato dalla maggior parte dei paesi europei. Ma in tempi più bui e non troppo lontani chi era accusato di eresia o di crimini più o meno gravi veniva messo…

  • Dal libro al film,  Libri

    Trainspotting: dal libro al film

    Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos’altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l’eroina?” Crudo, esplicito, attuale, girato in appena due mesi con un budget low cost, sensazionale dal punto di vista registico, pensato per colpire mente e stomaco di coloro che a occhi chiusi scelgono di salire su treni che percorrono binari sicuri per tappe obbligate. Renton, Sick Boy, Begbie, Spud e Tommy quei treni preferiscono guardarli passare (letteralmente Trainspotting significa “guardare i treni passare“) rimanendo a terra (in tutti i sensi).  Non si tratta di ribelli. I protagonisti di Trainspotting  sopravvivono ed esistono a modo loro tra droghe pesanti, dipendenza da…

  • Storia

    Guida al sacrificio animale nella Roma classica

    Il sacrificio è una pratica rituale d’importanza fondamentale nella religione di molte culture. In particolare, al tempo dei romani il sacrificio animale era attività di routine fortemente connessa alla pratica religiosa. Nella Roma classica (I secolo a.C – III secolo d.C) il sacrificium  era essenziale per mantenere la pax deorum, la pace tra gli dei e gli uomini: più gli uomini celebravano sacrifici, più gli dei del pantheon romano li ricompensavano con la propria benevolenza. Era inoltre necessario propiziarsi il favore degli dei per numerose attività del quotidiano ed evitare l’ira delle divinità più pericolose rendendo loro frequentemente omaggio. Ma soprattutto il sacrificium era considerato dai romani vero e proprio strumento di comunicazione che…

  • Storia

    Manga, anime e… Giappone!

    La parola manga deriva dall’unione di due kanji: man (漫) che significa “libero, stravagante” e ga (画), “immagine, disegno”. In Giappone il termine indica in generale i fumetti di piccolo formato, indipendentemente dalla nazionalità, dal target e dal tema con cui in Occidente si tende a classificare il genere. Il manga è parte integrante della cultura nipponica, forma d’arte intensamente espressiva, diffusa in Asia tanto quanto la letteratura e il cinema. In che cosa si differenzia dal classico fumetto? Impaginazione Se vi trovate a sfogliare un manga per la prima volta, proverete    inevitabilmente un senso di spaesamento. Rispetto ai fumetti occidentali, infatti, il manga richiede un ordine di lettura…

  • Cinema e Serie tv

    Tim Burton: il grande “freek” di Hollywood

    “E’ bene per un artista ricordarsi sempre di guardare le cose in un modo nuovo, strano.” Eclettico, stravagante, visionario, eccentrico. Timothy William Burton, maestro della settima arte, è tutto questo e molto altro ancora. Burtoniani all’ascolto e non, buona lettura! Il freek  di Hollywood nasce nel 1958 a Burbank, in California. Fin da piccolo manifesta curiosità e interesse per il mondo dell’horror e per le creature mostruose – Dracula, Frankenstein e La Mummia, per citarne alcune – approdate sui piccoli schermi degli anni ’60 e ’70 grazie alle serie tv ideate dalla Hammer, celebre casa di produzione cinematografica britannica. E’ lo stesso Tim Burton a dichiarare che, da bambino, spesso…

  • cesare lombroso criminologia moderna torino conoshare
    Storia

    Cesare Lombroso: il padre della moderna criminologia

    Marco Ezechia Lombroso, detto Cesare, nasce terzo di sei figli a Verona il 6 novembre 1835 da una famiglia di commercianti israeliti. Considerato il padre della moderna criminologia, alcune delle sue teorie furono strumentalizzate nel corso degli anni nel campo dell’eugenetica e da alcune forme di “razzismo scientifico”.  La storia di Cesare Lombroso ha inizio nel 1852, quando decide di iscriversi alla Facoltà di Medicina di Pavia. In questi anni di studio, si appassiona sempre di più all’anatomia umana e nel 1856 pubblica un primo saggio “di carattere” dal titolo Influenza della civiltà su la pazzia e della pazzia su la civiltà. Si laurea a Pavia nel 1858 con una tesi…

  • museo antropologia criminale cesare lombroso torino
    Mostre e Musei

    Il museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso” a Torino

    Tutti i mercoledì del mese è possibile visitare gratuitamente il grande museo di Antropologia Criminale “Cesare Lombroso”  a Torino. Cesare Lombroso è considerato padre e fondatore della moderna criminologia. Fortemente influenzato dalla fisiognomica, dal darwinismo sociale e dalla frenologia, elaborò la teoria dell’atavismo criminale: alcuni tratti somatici di un individuo rivelerebbero specifici caratteri e comportamenti criminali connaturati e ineludibili. Se con il tempo è vero che tale teoria fu abbandonata per mancanza di sufficienti prove scientifiche, a Lombroso va il merito di aver avviato i primi studi in criminologia attraverso un approccio empirico-sistematico. Inoltre, si dedicò alla balistica, la scienza che studia il moto dei proiettili e i loro effetti su oggetti…