• Pittura

    Kandinskij tra arte e musica

    Il più ricco insegnamento viene dalla musica. Salvo poche eccezioni, la musica è già da alcuni secoli l’arte che non usa i suoi mezzi per imitare i fenomeni naturali, ma per esprimere la vita psichica dell’artista e creare la vita dei suoni. Vasilij Vasil’evič Kandinskij Secondo Kandinskij, precursore e fondatore della pittura astratta, i colori sono in grado di comunicare con chi li osserva generando effetti differenti per sinestesia. Il pittore elaborò a riguardo una sua teoria nel saggio “Spiritualità nell’arte” dedicando particolare attenzione alla dipendenza tra la propria arte e la musica. L’ispirazione dalla musica di Schönberg Kandinskij imparò a suonare il violoncello da bambino: fin dalla più tenera…

  • Storia

    Lucrezia Borgia: avvelenatrice seriale o vittima innocente?

    Figlia di Papa Alessandro VI e della cortigiana Vannozza de Candia dei Cattanei, Lucrezia Borgia fu usata dal padre e dal fratello Cesare come strumento per ottenere alleanze politiche attraverso ben tre matrimoni combinati. Chi era Lucrezia Borgia Collezionò così molti titoli: fu signora di Pesaro e Gradara, duchessa di Bisceglie, principessa di Salerno e duchessa di Ferrara, Modena e Reggio fino alla morte avvenuta nel 1519. Si dice che abbia intrattenuto rapporti incestuosi con il padre e i fratelli e, in generale, che abbia condotto una scandalosa vita sessuale tra le braccia di numerosi e improbabili amanti. Lucrezia Borgia è però senz’altro nota soprattutto per la facilità con la…

  • Storia

    Lo “Ius primae noctis” è realmente esistito?

    Secondo una credenza alimentata nel corso dei secoli, nel Medioevo sarebbe esistito lo Ius primae noctis, il diritto, cioè, da parte dei signori del feudo, o baroni della contea, di giacere con le novelle spose la prima notte di nozze, sostituendosi di fatto al legittimo marito. Chi ha visto Braveheart sicuramente ricorderà che il protagonista, William Wallace, decide di sposare in segreto la sua amata Murron, proprio per evitare che il nobile del loro villaggio la reclami. Lo ius primae noctis quindi sarebbe stata una pratica terribile, perpetrata da chi si sentiva in diritto di affermare il proprio dominio, in tutto e per tutto, sulla vita dei servitori. Ma questo…

  • Cinema e Serie tv

    Serie tv in 20 parole: il glossario

    Vi definite serial addicted ma se vi diciamo “U.R.S.T” è subito Guerra Fredda con un errore di battitura? Se vi chiedono chi avete “shippato” di recente vi offendete? Quel che vi manca è un po’ di vocabolario allora! In questo articolo per veri telefili, una parte curiosa di glossario indispensabile! E se conoscete tutti i termini, complimenti…siete dei veri serializzati! Perché le serie tv vanno alla grande L’uomo è un essere narrativo. Attraverso i secoli, l’uomo prima con la parola, poi con la scrittura e infine con l’arte declinata in ogni sua forma ha sempre cercato di rappresentare, qualificare ed esaurire, laddove possibile, un sentimento, un evento, una storia. E…

  • Storia

    Piramidi tra leggenda e realtà

    Affascinanti per il mistero che emanano, impressionanti per le dimensioni che raggiungono, indistruttibili nonostante il passare del tempo, le piramidi rappresentano i simboli indiscussi dell’Egitto. La loro storia oscilla costantemente tra leggenda e realtà. Furono davvero costruite da migliaia di schiavi? Nell’immaginario comune si tende a pensare che le piramidi furono costruite pesando sulle spalle di migliaia di schiavi, maltrattati e puniti se non abbastanza produttivi e, soprattutto, condannati a questa fatica per tutta la loro vita. Questo è anche lo scenario che ci viene offerto in numerosi film. In realtà, però, non era affatto così. La costruzione di questi mastodontici monumenti era affidata a degli operai stipendiati dallo Stato.…

  • Cinema e Serie tv

    La scritta Hollywood: storia del simbolo del cinema

    Nove lettere bianche, alte 9 metri e larghe 15. Un’insegna monumentale che è diventata non solo il simbolo della città di Los Angeles, ma anche del cinema internazionale. Sapevate però che in principio lo scopo dell’installazione della scritta Hollywood era un altro? E che il nome che oggi leggiamo è in realtà un’abbreviazione di uno composto da 13 lettere? Ma andiamo con ordine… Un nuovo quartiere ai piedi del Mount Lee Era il 1923 quando sul Mount Lee venne posizionata per la prima volta la scritta che avrebbe dovuto promuovere un nuovo quartiere in costruzione, così da pubblicizzare e vendere gli appartamenti in quella zona. Il nome del quartiere? Hollywoodland!…

  • Pittura,  Storia

    “E ora ridateci la Gioconda!” La vera storia dietro al furto dell’opera

    Chi non ha mai pronunciato questo simpatico slogan accusando i francesi di un furto del quale, in realtà, i vicini transalpini non si sono mai macchiati? È ora di far luce su di un falso storico conclamato!  Il viaggio verso la Francia Tra il 1502 e il 1503 Leonardo da Vinci si trovava a Firenze. Il mercante Francesco del Giocondo decise di commissionare all’artista il ritratto della moglie Lisa Gherardini per ostentare, com’era in uso al tempo, l’ascesa sociale della propria casata. Leonardo però, indefesso perfezionista, lavorò al dipinto per ben quattro anni portandolo con sé a Milano e continuando a ritoccarlo fino al 1513. Il ritratto così non fu…

  • Letteratura

    Il Decameron di Boccaccio e il Trionfo della Morte

    1348. A Firenze impazza la peste nera. Tre ragazzi e sette ragazze decidono di fuggire e di trascorrere un breve periodo in campagna, lontano dal degrado dilagante. In loro non c’è solo la volontà di preservare la salute, ma anche quella di custodire l’importanza della moralità. Il Decameron di Boccaccio, nella sua genialità,  è stato spesso definito un “trattato sull’essere umano”, perché è di vita che si parla, in tutte le sue sfaccettature, anche le più crude. E se ne parla nelle novelle, grazie alle quali l’opera è ricordata, ma soprattutto nella cosiddetta cornice. Disordine e disumanità in città La voce narrante, testimone oculare dell’epidemia, racconta  senza remore le conseguenze…

  • Cinema e Serie tv

    5 attori che hanno abbandonato la recitazione

    Che cosa fareste se improvvisamente vi rendeste conto di essere diventati famosi ma che, in fin dei conti, la notorietà non era esattamente ciò che desideravate per la vostra vita? Probabilmente è questo il dilemma che si sono trovati ad affrontare alcuni attori più o meno noti del piccolo e grande schermo prima di decidere di abbandonare la propria carriera. Oggi quindi vi parliamo di 5 attori che, nonostante il successo, hanno preferito ritornare alla propria routine o, in ogni caso, imboccare una strada diversa dalla recitazione. Curiosi di sapere di chi si tratta? Jack Gleeson alias Joffrey Baratheon I fan di Game of Thrones non potranno mai dimenticarsi del…

  • Letteratura

    Stephen, il King dell’horror

    La gente pensa che io sia una persona strana. Non è vero. Ho il il cuore di un ragazzino. Si trova in un vaso di vetro, sulla mia scrivania. Re indiscusso della letteratura horror, autore di spicco del romanzo gotico moderno, un visionario. Due parole per definire il lavoro di una delle firme più note del ventunesimo secolo? Prolifico ed eclettico! Con oltre 500.000 milioni di copie vendute, il maestro del brivido ha scalato innumerevoli volte le classifiche best seller di tutto il mondo e vanta a oggi la pubblicazione di più di 60 romanzi e 400 racconti. Alla veneranda età di 72 anni, Stephen King non accenna a fermarsi.…