• Collettivo Scrittori Uniti
    Libri

    Tre romanzi da non perdere: le interviste agli autori del CSU al Salone del Libro

    Se avete letto il nostro ultimo articolo o ci seguite sui social, allora di certo saprete che il blog Conoshare si è recentemente unito in qualità di Media Partner alla splendida e sinergica realtà del CSU, il Collettivo Scrittori Uniti. La collaborazione con il CSU ha trasformato il nostro appuntamento annuale con il Salone Internazionale del Libro di Torino in un’esperienza di crescita professionale e ci ha regalato l’opportunità di conoscere altre blogger che condividono la nostra stessa passione per il meraviglioso mondo della letteratura. Thriller, fantasy, noir, romance, attualità, storie per bambini e chi più ne ha più ne metta: gli stand del CSU, coloratissimi, hanno saputo incuriosire e…

  • libri_da_leggere_nel_2019_conoshare
    Libri

    Libri da leggere nel 2019: le novità del Salone del Libro

    Il Salone del libro è per noi di Conoshare un appuntamento imperdibile. Quest’anno la bellezza della fiera è stata avvalorata dall’inizio dell’avventura insieme al CSU, il Collettivo degli Scrittori Uniti. Nato dall’idea dello scrittore Claudio Secci, il collettivo persegue la nobile e senza dubbio lodevole iniziativa di riunire sotto un’unica insegna – quella dell’amicizia – il lavoro di moltissimi autori. L’atmosfera palpabile di spirito comunitario, aiuto reciproco e frizzante simpatia ci ha accolto domenica 12 maggio 2019. Due stand a poca distanza l’uno dall’altro, scrittori e blogger pronti a collaborare tra di loro con l’unico obiettivo di promuovere reciprocamente l’impegno e la grande passione per il proprio lavoro. Abbiamo avuto…

  • Storia

    I 5 lavori più strani della storia

    “Una società fondata sul lavoro non sogna che il riposo.” Leo Longanesi Il primo maggio rappresenta nell’immaginario collettivo una meritata occasione per staccare dai ritmi frenetici e dalle responsabilità che il lavoro di tutti i giorni impone. La ricorrenza è pubblicamente riconosciuta in gran parte del mondo e viene festeggiata in giorni diversi dell’anno a seconda del Paese interessato. Ma la festa del lavoro non nacque come pretesto di riposo, al contrario! Affonda le radici in una storia di lotte sociali e rivendicazioni e fu istituita con l’obiettivo di individuare una giornata durante la quale i lavoratori potessero incontrarsi per discutere, per esercitare i propri diritti e per avanzare richieste…

  • Libri

    Frankenstein, la scienza e la follia. Uomini e mostri tra scienza e mito

    Massimo Centini studia il capolavoro di Mary Shelley, Frankenstein, inteso come una ricca “officina antropologica” che consente di esplorarlo sotto molteplici punti di vista. Il saggio offre una parabola artistica completa dalle origini manoscritte alle produzioni cinematografiche, con uno scavo sulle figure del creatore, il dottor Victor Frankenstein, e della sua Creatura in continuo scontro tra vita e morte, tra solitudine e desiderio di inclusione, tra amore e vendetta. Per gli appassionati del genere gotico è di sicuro interesse per la descrizione dei retroscena che hanno condotto alla genesi di questo grande classico della letteratura mondiale. Emerge la stretta correlazione tra la vita tormentata della scrittrice, costellata di perdite, e…

  • Libri

    Nella mente e nel…fisico del poeta. Saggio psico-antropologico su Giacomo Leopardi

    L’indagine su uno dei più grandi scrittori del XIX secolo ha riguardato la ricerca filosofica del pensiero che ha generato il genio leopardiano. Le tematiche affrontate dal poeta di Recanati sono state così inserite nel filone del pessimismo cosmico di cui Leopardi è stato portavoce in più di una delle sue opere. Mariano Luigi Patrizi invece affronta la questione scegliendo di privilegiare un nuovo punto di vista: quello psicologico e antropologico, accantonando dunque le matrici di stampo più prettamente filosofico e letterario. L’autore nel Saggio psico-antropologico su Giacomo Leopardi edito nel 1896, di cui in questo libro si offre una selezione dei capitoli più rilevanti, porta alla luce la stretta…

  • Libri

    Il pittore maledetto. Storia violenta di Caravaggio

    Il successo di Michelangelo Merisi, in arte Caravaggio, deriva dalla maestria con la quale il pittore riuscì a dosare sulla tela luci e ombre plasmando soggetti e situazioni secondo un realismo violento, spiazzante. Deciso a combattere l’uniformità secolare di schemi compositivi antiquati, puntò al “vero” in un’ottica di pittura che poco o niente aveva in comune con quella dei suoi maestri e contemporanei. Interpretando il chiaroscuro in maniera straordinaria e assolutamente innovativa per l’epoca, l’artista lombardo rivoluzionò il concetto stesso di arte. Mariano Luigi Patrizi, medico e fisiologo recanatese, ha analizzato il genio di Caravaggio da una nuova e interessante prospettiva antropologica: secondo lo studioso, molte delle opere del pittore…

  • Storia

    Genitori di sangue, genitori di latte. “Mandare a balia” nel Rinascimento a Firenze

    Per molto tempo l’allevamento dei neonati ha rappresentato un po’ ovunque, nel mondo, un grosso problema per coppie di ogni ceto sociale. Fino al XIX secolo un bambino su tre moriva perché non poteva essere allattato dalla madre naturale o a causa di malattie contratte da alimenti sostitutivi come il latte animale, ricco di batteri nocivi per un neonato. Nel 1865 Justus von Liebig, chimico tedesco,  riuscì a sintetizzare una polvere solubile ricca di nutrienti: si trattava del primo sostituto commerciabile del latte materno, felice invenzione che contribuì a diminuire il tasso di mortalità infantile. Prima di allora, in molti casi e per ragioni diverse, mandare i figli a balia…

  • Dal libro al film,  Libri

    “Io non ho paura”: dal libro al film

    Campi di grano a perdita d’occhio inondati dalla luce del sole rovente dell’estate 1978. Un caldo che toglie il respiro agli abitanti di un piccolo paesino del Sud Italia, Acqua Traverse, ma che non ferma i bambini, sempre immersi a giocare tra le spighe di grano e a ravvivare, con le loro voci, un villaggio altrimenti desolato e sperduto. Proprio i bambini sono i primi personaggi raccontati da Niccolò Ammaniti nel suo romanzo del 2001 “Io non ho paura“, attraverso il punto di vista di uno di loro, Michele. Michele Amitrano, anni 9, bambino vivace, di buon cuore e pieno di energia. Bada alla sorellina più piccola, Maria, la cui…

  • Pittura

    Artemisia Gentileschi: la prima pittrice italiana ammessa in un’Accademia

    Siamo a cavallo tra Cinquecento e Seicento: in un panorama artistico prettamente maschile, Artemisia Gentileschi diventa una grande pittrice. Non era quindi scontato, per una donna, né emergere né poter esprimere liberamente la propria arte, senza incontrare ostacoli o remore dettate dal genere. Ed è così che al liceo durante le ore dedicate a Storia dell’Arte, dopo aver studiato solo e soltanto scultori e pittori, rimasi colpita da questa forte e inaspettata presenza femminile: poche pagine dedicatele, ma di grande impatto. Un talento precoce e naturale Nata a Roma nel 1593, Artemisia respira fin da piccola un’atmosfera pregna di arte perché il padre, Orazio Gentileschi, è un pittore che gode…

  • Storia

    Cultura del tatuaggio tra storia e curiosità

    Alzi la mano chi ha un tatuaggio impresso sulla propria pelle o chi, trovata la giusta dose di coraggio, ha intenzione prima o poi di farsene uno! Socialmente sdoganato rispetto a tempi non sospetti, il tatuaggio è segno non verbale psicologicamente connotato: al di là della forma, del colore o della dimensione con cui si presenta, nella maggior parte dei casi cela aspetti legati all’identità del tatuato, fissa un momento importante della sua vita (bello o brutto che sia) e comunica significati trasversali a culture con le quali l’individuo è entrato in contatto. Contrassegnare il proprio corpo con incisioni irreversibili (meno, oggi, grazie alla chirurgia laser) soddisfa quel bisogno impellente…